999133_445482142237420_246312106_n


Intro


La nostra musica tende a ricreare delle ambientazioni per le storie narrate
dalle liriche che in alcuni casi si rifanno esplicitamente a classici della
letteratura come 1984 di Orwell nella nostra “Greedy Monkey” o L’inferno di
Dante in “midway upon the journey of our life” un parallelismo fra la discesa
dantesca nell’infermo e la discesa nella perversione degli usi e dei malcostumi
dell’Italia attuale, “Death fo Dummies” parla della condizione umana come cavia
assuefatta all’avanzamento tecnologico utilizzato per gli scopi più futili,
praticamente un inno al cattivo uso delle nostre enormi potenzilità creative,
sociali, empatiche ecc…in altri casi raccontano storie di esseri umani viste
da diverse angolazioni, di volta in volta siamo scimmie, uomini, prostitute
ubriache, visionari, energia e creazione…di volta in volta una parte di noi
parla e racconta senza filtri ciò che vede.


Vota per Il Circo Delle Pietre






Formazione

  • Marco Giannelli – chitarra
  • Gabriele Fini – chitarra
  • Samuele Camiciottoli – basso/voce
  • Tommaso Senesi – batteria

Bio


Il “Circo Delle Pietre Fuzz Orchestra” sono una band stoner, alternative rock, nata spontaneamente a Firenze durante il 2012 come progetto secondario e raccoglitore di sperimentazioni sonore ed effettistiche.
La spontaneità della nascita della band deriva dal fatto che tutti componenti de Il Circo Delle Pietre Fuzz Orchestra appartenevano ai Ten Jam (official Pearl Jam tribute band), grazie alla quale sviluppano negli anni una forte complicità intellettuale e musicale, calcando innumerevoli palchi del circuito underground Italiano.
Inizialmente power trio hard rock strumentale, formato da Marco Giannelli (MGRB, Creeps,Ten Jam) e Gabriele Fini alle chitarre e Tommaso Senesi alla batteria, si trasforma con l’inserimento del basso e della voce, entrambi affidati a Samuele Camiciottoli (MGRB, DailyBlowJob, ChristLeo and the Vague Angels e Creeps) in un Indie Rock / Stoner psichedelico.
La band adotta un accordatura in linea con il LA Verdiano con diapason a 432Hz(Do a 256Hz)come rifiuto delle imposizioni volute dalle pressioni effettuate dalla propaganda nazista sugli enti unificatori di metà’900.
Con l’inserimento del basso e le modifiche all’accordatura, le composizioni acquistano un carattere molto più tendente allo stoner dei Kyuss e dei Queens Of The Stone Age ed inizia una nuova fase compositiva della band, totalmente senza vincoli di genere ed in assoluta libertà espressiva.
Agosto 2013 vede l’ingresso della band in studio per le registrazioni del primo EP di 7 brani che vedrà la luce a Gennaio 2014.

PODCAST Bar Band Project

Bar Band Project 15/05 presenta: Le strade, il circo delle pietre by Tvspentaontheradio on Mixcloud